AICD

Dinghy 12 Classico

Saluti da Bracciano (di Maurizio Tirapani)

Saluti da Bracciano (di Maurizio Tirapani)

COPPA FRANCO PIZZARELLO-BRACCIANO

Archiviata la quarta tappa del Trofeo del Dinghy 12' Classico e di Coppa Italia disputatesi in contemporanea al Sailing Team di Bracciano, con “vento sbagliato”: brezza termica irregolare e debole con salti e buchi.

I risultati: abbiamo avuto ulteriore conferma che Vittorio d’Albertas nei moderni (per la terza volta consecutiva in una tappa di Coppa Italia con tre primi) e Dani Colapietro (per la terza tappa consecutiva del Trofeo Dinghy 12’ Classico) quest’anno sono i timonieri da battere.

E che l’Adriatico, con sei timonieri nei primi dieci, testimonia di una grande crescita anche qualitativa.

Vorrei soffermarmi su una bella novità importante per la classe. Dopo il battesimo di Rimini, e il cambio delle antenne, Giorgio Pizzarello è sceso in acqua con il nuovo dinghy classico, Mustang, del cantiere Manferdini di Fiumicino con cui ha disputato tutte le cinque prove, piazzandosi al 4° posto. Per una barca esordiente mi sembra un risultato eccellente.

E poi un nuovo legno e un nuovo cantiere nel centro sud ci rallegra sull’interesse che la classe attrae anche in ambito economico.

Francesca (la Merkel del dinghy) ha posto il problema della contemporaneità di una delle regate del Trofeo deo Dinghy Classico e della Coppa Italia  che per la prima volta si sono svolte insieme seppur con partenze separate. Ci ha dato appuntamento all’assemblea del Campionato per discuterne.

Riflettiamo e cerchiamo di portare un nostro “classico” pensiero sul che fare.


 

Go to top of page

Ultime foto gallery